La Galleria Pini Arte Contemporanea organizza un corso base di fotografia digitale, 6 lezioni per apprendere le tecniche e i segreti di questa splendida arte. Il corso è destinato anche a chi non ha nessuna esperienza.

Fare belle foto è un’arte che, se da una parte presuppone un certo occhio naturale, dall’altra necessità di solide conoscenze tecniche. Luce, esposizione, linguaggi diversi a seconda del soggetto scattato.

Per chi ha sempre desiderato approfondire la fotografia la galleria Ermanno Pini Arte Contemporanea organizza un corso base di fotografia digitale, destinato anche a chi non ha nessuna esperienza.

Il corso si svilupperà in 5 lezioni serali: martedì 9 aprile, martedì 16 aprile, martedì 30 aprile, martedì 7 maggio e domenica 12 maggio dalle 20.30 alle 22.30. Più una lezione pratica in esterna.

 Le lezioni saranno tenute da Luca La Via, esperto fotografo che guiderà gli allievi alla scoperta di tutti i segreti della fotografia.

 Gli argomenti trattati:

  • Introduzione alla fotografia
  • La fotocamera Reflex e i suoi componenti
  • La luce e il controllo dell’esposizione
  • Le diverse modalità di scatto
  • Elementi di composizione fotografica
  • Fondamenti di post-produzione fotografica
  • Lezione pratica in esterna

 Il corso, oltre che per gli appassionati, è utile anche a chi usa la fotografia per lavoro anche nell’ambito dei social. Facebook e soprattutto Instagram si basano sulle immagini e una bella foto può far davvero la differenza.

Per iscrizioni e informazioni: 030930409- 3386203606

Costo: 130 euro

Luca La Via. Nato a Brescia nel 1976, si è avvicinato alla fotografia per passione. Armato della sua Canon Digitale e di una fotocamera analogica Contax inizia a scattare paesaggi, anche in bianco e nero. Innamorato della città, di ex zone industriali smesse con capannoni e loft si è affermato per il suo stile street molto attento ai particolari.  I paesaggi che egli ritrae sono una metafora dell’interiorità dell’uomo. Un’essenza ferita dalla vita contemporanea, quasi lacerata. Il suo lavoro è un lavoro di accusa ma anche di rinascita perché, attraverso le fotografie, propone nuovi linguaggi interpretativi dal valore salvifico. Ha tenuto diverse mostre in zona, una anche presso la Galleria d’Arte Ermanno Pini. 

Pubblicato il