Dopo il caldo estivo il giardino necessita di un po’ di lavoretti in vista dell’autunno. Abbiamo chiesto a Dante Bearesi, dell’omonima florovivaistica, qualche consiglio di stagione.

Le alte temperature estive hanno messo a dura prova le piante ed i fiori dei nostri giardini: rami, foglie e fiori secchi ne sono gli inequivocabili segnali. L’avvicinarsi dell’autunno, con temperature più miti, e prima dell’arrivo dei rigori invernali, ci deve essere di stimolo per un bel restyling del nostro angolo di verde.

«La prima cosa da fare è una bella rimonda di tutto il secco presente sulle nostre piante» ci spiega il Signor Dante dell’Azienda Florovivaistica Bearesi di Monticelli d’Ongina.

Una rimonda che ha anche la funzione di stimolare il ricaccio di nuova vegetazione negli arbusti e di preparare tutti quei perenni, a fioritura e sviluppo estivo, per l’imminente periodo invernale: una cura che può rivelarsi fondamentale per il loro ricaccio primaverile.
Rose, Buxus ed altri arbusti sempreverdi possono essere, in questo periodo, oggetto di interventi di potature evitando così possibili scottature della nuova vegetazione.

«L’arrivo dell’autunno è particolarmente propizio per dedicarsi alla cura dei prati – conclude il Signor Dante – Con arieggiature, rigenerazioni e concimazioni consentiremo al manto erboso di conservare un ottimo aspetto per i mesi che ci restano da vivere all’aria aperta nel giardino, ma soprattutto aiuteremo il prato a superare il duro periodo dell’inverno»

Pubblicato il