Che cosa succede quando il pavimento è in pendenza? Ce lo siamo fatti spiegare da Roberto Feraboli, il nostro muratore di fiducia!

I protagonisti della nostra storia si sono rivolti Roberto Feraboli, muratore specializzato in ristrutturazioni e piccoli lavoretti, per risolvere un problema in una delle stanze del secondo piano della loro antica casa di campagna: il pavimento irregolare e completamente in pendenza.

Roberto Feraboli ci ha messo poco a capire il motivo: il solaio imbarcato. I solai datati, infatti, specialmente se sorretti da travi, tendono a cedere di qualche centimetro e, con essi, il pavimento sovrastante. Con un aumento delle vibrazioni quando si cammina.

Per capire bene l’entità del dislivello Roberto Feraboli ha disegnato una traccia con il metro laser (ma va bene anche un modello più semplice con l’acqua) lungo tutta la stanza. Il risultato? Una differenza di 2 e 3.5 centimetri lungo i due muri interni e un picco di 8 centimetri al centro della stanza.

 Quindi, con un materiale a base di palline di argilla e cemento, ha colmato i vari dislivelli, lungo il perimetro e al centro, riportandoli in pari.

Dopo una notte, per lasciare il tempo all’argilla di solidificarsi, ha gettato un secondo strato su tutto il pavimento per ricreare una superficie uniforme. Dato che il vecchio pavimento è in linoleum, per fare aderire il secondo strato ha utilizzato un aggrappante, ovvero un prodotto specifico per incollarlo quello vecchio.

 Quindi, una volta asciugato e dopo aver controllato che non ci fossero più dislivelli, Roberto Feraboli ha applicato il livellante, ovvero un materiale che fissa in modo uniforme le palline di argilla creando una patina omogenea su cui posare il parquet.

Per contattare il signor Feraboli per un risolvere un problema o per un sopralluogo chiamare il numero 3334130092

Pubblicato il