Oggi vi portiamo in una casa arredata da Anselmi, un gioiello nel cuore di Cremona dove il su misura e le foto di Mino Boiocchi dialogano in un trionfo del bello, di Cremona e delle passioni di una giovane donna eclettica

Dal ballatoio, colorato da piante verde cangiante e fiori profumati, si domina la cupola della Galleria XXV aprile.

La prima sensazione è quella di trovarsi in un luogo senza coordinate spazio temporali. Potremmo essere a Parigi ma anche a Firenze e, perché no, a Roma.

Poi, a poco a poco l’occhio inizia a captare i profili e i tetti dei palazzi di Cremona che, come guardiani premurosi e rassicuranti ci ricordano che siamo nella nostra amata città.

Una Cremona che sfila, come una galleria d’arte, sulle pareti di questa splendida casa arredata da Anselmi e decorata con le foto d’autore di Mino Boiocchi.

 Si entra direttamente nella cucina openspace, un ambiente conviviale e versatile studiato sulle esigenze di una giovane professionista. Il segreto sta nella grande isola perfetta sia per pause pranzo veloci che per ricevere gli amici e stupirli con sofisticate ricette gourmet.

 Gli elettrodomestici della zona lavoro sono tutti Smeg incluso il frigorifero panna abbinato al bollitore della linea 50’s style, una collezione di piccoli elettrodomestici dagli irresistibili colori pastello e dal design ispirato agli anni 50.

La Falegnameria Anselmi ha lavorato interamente su misura per cercare di ottimizzare al meglio uno spazio non enorme che, però, grazie a soluzioni mirate si dilata in tutte le sue potenzialità.

L’arte è una presenza importante e costante in questa casa della vecchia Cremona. Per la cucina Mino Boiocchi ha selezionato un magnifico dettaglio dell’erba dell’argine e due vedute di Cremona, una di tutto il suo skyline e la seconda in notturna con il Torrazzo illuminato che svetta.

 Il grande living, con una splendida vista sul torrazzo e sui merletti del palazzo del Comune, ha il caldo sentore dell’intimità delle serate domestiche accentuato dalle nuance argento lucido dei cassetti della libreria un vero e proprio capolavoro sartoriale a tutta altezza in legno bianco. Gli inserti argentati giocano con gli originali pavimenti anni ’40, che, giustamente la proprietaria ha deciso di conservare e valorizzare, e con i colori del divano creando un sapiente effetto cromatico che tende all’oro, al bronzo e ai colori della savana.

La libreria è stata progettata sugli interessi di questa eclettica giovane donna che, oltre all’odontoiatria,ama yoga, i viaggi, l’oriente e l’arte. C’è spazio anche per il relax con una zona dedicata all’home cinema

Ecco che ancora alle pareti le creazioni di Mino Boiocchi parlano con gli arredi. C’è un prato, colto proprio nell’istante dopo la pioggia, piegato dal vento e illuminato dalle gocce, incastonato in una cornice ricavata da un tronco millenario scovato in Po. E poi una foto scattata nel bar della Biennale di Venezia di chiara influenza street art.

La moda è un’altra delle grandi passioni della proprietaria e cosi i fratelli Anselmi hanno progettato un grande armadio ad angolo che fluisce in un piacevole contrasto negli originali armadi a muro degli anni ’40. Il risultato? Spazio inesauribile per non dover buttare via nulla. Tanto poi si sa che tornano sempre di moda no?

 Il letto è sormontato da una veduta del Po’, raffigurante un gruppo di barchette attraccate e la natura tutt’intorno. La storia di questa foto è affascinante e legata ai grandi della musica. È stata scattata da Mino con una macchina regalata poi a Lou Reed e con la quale il grande artista si avvicinò al mondo della fotografia.

 Il bagno è un’oasi di pace e benessere. Mobili su misura per contenere profumi, prodotti di bellezza ma anche la lavatrice che c’è ma non si vede. Mensole a vista sono lo spazio dove poter creare piccole scenografia con le candele, un po’ come alla Spa.

Il termoarredo è stato aerografato con una foto di Cremona sotto la neve. Un’idea di Mino Boiocchi in quella sua naturale propensione a rendere più belli anche gli oggetti di uso quotidiano.

E sempre parlando di esigenze concrete di una vita impegnata, Anselmi ha trasformato il vecchio sbarazzacamera, in una stanza organizzata grazie ad armadi su misura per contenere le scorte, i prodotti per la pulizia, le valige e tutto quello che serve per la casa in modo organizzato e funzionale. 

La Falegnameria Anselmi si è occupata del su misura mentre il negozio in centro città ha fornito gli arredi già pronti e gli elettrodomestici Smeg. Per informazioni: 0372 434503/ info@anselmimobili. it.

Mino Boiocchi ha curato la scelta delle foto, la stampa e le cornici. Info: 3482566930

Pubblicato il