Il concime è come un tonico per le nostre amate piante. Nutrendo il terreno le rende più forti, più sane e più belle. Ecco una mini guida su quali piante concimare a primavera e su come farlo. Con i prodotti all’avanguardia della Zootecnica e i preziosi consigli di Nicoletta.

L’arrivo delle belle giornate invoglia a un contatto maggiore con la natura. Passeggiate all’aria aperta, gite in campagna e magari un angolo verde domestico dove rilassarsi, la sera, con un buon libro, una candela e una bella tisana.

 Non è necessario avere per forza un grande giardino, o un terrazzo. Anche un piccolo balcone, se ben curato, può trasformarsi nella nostra speciale oasi verde.

Per gli accessori ci si può sbizzarrire come si vuole. Anche a seconda del proprio gusto e dello stile della casa. Candele, vecchi cuscini, tavolini e lanterne per un’atmosfera romantica e trasognante. Oppure accessori contemporanei per chi predilige il minimal. Quest’anno la parola d’ordine è mix and match. Giocare con materiali e stili differenti per creare un angolo delle meraviglie. Da Area Fiori di via Dante, oltre alle splendide piante e alle composizioni fatte da Stefy, Barbara e Antonella c’è tutto il meglio per trasformare il proprio angolo verde in un luogo incantato. 

 Piante belle, sane e rigogliose sono il requisito fondamentale per la propria oasi domestica e, in primavera, necessitano di una bella concimazione.

La concimazione favorisce la crescita delle piante. Il concime, infatti, nutre la terra che a sua volta nutrirà le piante, rendendole forti e rigogliose. La concimazione è fondamentale per la fotosintesi clorofilliana che, come ricordiamo tutti dai tempi della scuola, è il principio della loro vita.

 Non tutte le piante vanno concimate nello stesso periodo. A primavera, ad esempio, si devono concimare le erbe, in modo che gettino i nuovi germogli, cosi come le piante grasse, le piante annuali che hanno trascorso l’inverno al chiuso, le siepi. Rose, fucsie e piante a fioritura estive.

 Esistono diversi tipologie di concime. Da quelli granulari a quelli liquidi, da quelli concentrati con un solo elemento fino ad arrivare a quelli con più elementi, ad esempio, fosforo, azoto e potassio. Gli alberi da frutto, le verdure e l’erba, ad esempio, hanno bisogno di azoto anche se non troppo a lungo. Il potassio è un vero tonico di bellezza per i fiori, esaltandone e facendo risplendere i colori. Il fosforo è un potente difensore sia dalle malattie stagionali che dal clima.

 Il concime va applicato quando il terriccio è bagnato, in base alla specificità della pianta da trattare. Nel dubbio meglio ridurre che esagerare: troppo concime può danneggiare la pianta.

Alla Zootecnica di Via Solferino, Nicoletta Frazzi propone linee di concimi e fertilizzanti all’avanguardia e sa consigliare ogni cliente in base ai bisogni e alle esigenze con quell’approccio famigliare delle botteghe di una volta dove la professionalità si unisce al calore umano e alla disponibilità.

 

 

 

Pubblicato il