Buona tavola e benessere spesso vanno a braccetto. Anzi, in questo caso, corrono insieme e il perché lo capiremo insieme nell’articolo.
Sempre più studi e ricerche hanno dimostrato che è proprio mangiando (bene) che si pongono le basi per una buona salute.
Oggi parleremo del TEFF un cereale provo di glutine originario dell’Etiopia e dell’Eritrea da cui si ricava un pane buonissimo e altamente proteico, indicato non solo per gli sportivi ma anche per chi è attento alla linea e vuole limitare l’apporto di glutine.
Addirittura si narra che, le prestazioni sportive impressionanti degli atleti etiopi nella corsa a lunga distanza, siano proprio da attribuirsi al consumo giornaliero di TEFF. In Etiopia, infatti, l’alimento più diffuso è proprio un pan focaccia di Teff chiamato “injera”.
Paragonato ad altri cereali, il TEFF ha una percentuale di crusca e germe superiore e per la dimensione ridotta dei granelli è impossibile separare la parte esterna da quella interna, per cui la farina che se ne ricava è esclusivamente integrale. Ricco in aminoacidi, contiene numerose vitamine, oltre a fornire un apporto notevole di calcio. A questo si unisce l’assenza di acido fitico, in grado di contrastare l’assorbimento di elementi importanti per il nostro organismo. Il Teff è inoltre ricco di fibre insolubili, fondamentali per il benessere del nostro intestino e per regolare l’assorbimento degli zuccheri.
Il pane al TEFF, oltre che sano, è buonissimo. Il gusto ha una nota finale dolce e rustica nello stesso tempo, ed è morbidissimo.
A Cremona, questo pane dagli effetti prodigiosi, è in vendita alla Panetteria Tosi, storico forno che, alle ricette classiche, ama affiancare tutte le novità. Greta, terza generazione al timone dell’attività di famiglia, è una gran sostenitrice del Teff preparato in tantissimi e gustosi formati diversi.
Se volete provarlo, vi aspetta alla Panetteria Tosi (via Aselli angolo via Robolotti).
Non vi garantiamo che diventerete i nuovi campioni olimpici di corsa…ma siamo certi che il sapore non vi lascerà indifferenti.

Pubblicato il